Pozzallo Torre Cabrera

Pozzallo si adagia sulla costa Sud Orientale della Sicilia, in quella parte dell’isola ancora autentica e genuina,tuttora risparmiata da grossi insediamenti industriali e dalla cementificazione selvaggia. Compresa tra il Mare Mediterraneo e le vallate dell’altopiano ibleo, è una cittadina con un patrimonio naturale suggestivo, lunghe spiagge di sabbia fine e dorata, mare limpido dai colori mutevoli ed affascinanti, da cui sembra emergere ed in cui sembra specchiarsi vanitosa.
Definita "città terrazza sul Mediterraneo", Pozzallo è tra i Comuni premiati, da undici anni consecutivi, con la Bandiera Blu. Oltre ad essere l'unico Comune della Provincia di Ragusa bagnato dal mare, è il Comune più a sud d’Italia, dopo Lampedusa e Linosa, “porta mediterranea” verso Malta e le coste della vicina Africa. La linea costiera disegna un'ampia insenatura che va da Punta Raganzino fino al litorale sabbioso della Marza. Il suo territorio è poco esteso, compresso com’è tra quelli di Modica e Ispica, ed il suo ampliamento rappresenta una questione molto sentita dai cittadini e di vitale importanza per le prospettive future della nostra cittadina. Il Comune conta circa 18.000 abitanti, la sua economia si fonda prevalentemente sulle attività e sulle professioni legate al mare ed al commercio, che, con il porto, hanno subìto un consistente incremento. Quest’ultimo rappresenta l’unico scalo commerciale della provincia di Ragusa e come tale si pone quale punto di riferimento per la commercializzazione dei prodotti dell’industria iblea e per il traffico di passeggeri con l’isola di Malta. Il porto piccolo è invece utilizzato per le attività legate alla pesca ed alle imbarcazioni da diporto. Sulla struttura portuale, che attualmente dispone di due banchine ad uso commerciale, Pozzallo punta per promuovere il suo sviluppo economico e turistico.Sul turismo e sulla promozione della sua immagine, la città ha investito molto negli ultimi anni, diventando località balneare di prestigio, che ha visto crescere, sempre più, il numero di turisti e di visitatori nella stagione estiva, grazie anche a numerose e vivaci iniziative private, che hanno aumentato e diversificato le offerte di strutture ricettive e di incontro. Quest’ultime, insieme con le manifestazioni dell’Estate Pozzallese, rendono particolarmente animate le serate estive e la vita notturna, attirando dalle città limitrofe numerosi visitatori, specie tra i giovani.

Pozzallo è uno dei più famosi centri balneari della provincia di Ragusa che grazie al mare pulito ha ricevuto il primato di “Bandiera Blu”per undici anni consecutivi dal 2002 al 2012. Oltre ad essere un centro commerciale ed industriale è prevalentemente una città marinara dove circa il 40% della risorsa economica è costituita da attività marittime e portuali, anche se negli ultimi anni l’attività turistica ha avuto un notevole incremento. Oggi Pozzallo è una cittadina dinamica e moderna che pullula di gente e di turisti nel periodo estivo, grazie non solo alle sue acque cristalline e alle spiagge dorate, ma anche ai numerosi pub, ristoranti e locali che sono divenuti attrattiva anche per tutti coloro che vivono fuori provincia. Il clima mite e le bellezze architettoniche permettono al turista di poter trascorrere, in qualunque periodo dell’anno una piacevole vacanza in questa solare cittadina. Geograficamente si trova sulla costa meridionale della Sicilia a Nord-Est di Malta da cui dista ?xml:namespace prefix = st1 ns = "urn:schemas-microsoft-com:office:smarttags" /54 miglia (circa 100 KM) e con la quale è collegata grazie al catamarano che fa la spola tra le 2 isole con partenza dal porto. Le origini e la storia di Pozzallo sono anch'esse strettamente legate al mare, ai suoi approdi, alle sue spiagge, alla sua felice posizione geografica, che ne hanno segnato il percorso storico, da borgo marinaro della Contea di Modica ,alla sua nascita come comune autonomo nel 1829. Sebbene alcune scoperte archeologiche del primo Novecento hanno fatto ipotizzare la presenza di insediamenti umani nel territorio risalenti all’epoca classica, Pozzallo assume comunque importanza, dal punto di vista storico intorno al XV secolo. A quell’epoca era un borgo scarsamente abitato della Contea di Modica, dove esistevano solo alcuni magazzini utilizzati per ricevere “ le gabelle “ dovuti al Conte dai proprietari terrieri, che erano obbligati a versare annualmente una determinata quantità di frumento. Furono i Chiaramonte, divenuti signori della Contea di Modica (1296-1392 ), ad intuire che Pozzallo, con la sua ampia spiaggia e la sua posizione, poteva essere di strategica importanza per gli interessi della Contea e diventare un porto mercantile per la commercializzazione dei suoi prodotti verso Malta e verso altri paesi del mediterraneo. Nella parte di costa compresa tra la spiaggia Pietre Nere e la “ Balata” (incrocio di latino ed arabo a significare letteralmente “lastrone di pietra”) fu costruito il “ Caricatore”, un complesso formato da vastissimi magazzini, tutti edificati sulla costa, dove venivano convogliati i prodotti della contea (carrube, grano, orzo), e da una serie di pontili e di scivoli, per l’imbarco dei prodotti sui velieri.Pozzallo divenne ben presto uno degli scali più importanti della Sicilia e porto d’imbarco per le merci dirette a Malta e nei vari paesi del Mediterraneo. Sotto i Conti Cabrera, succeduti ai Chiaromonte nel 1392, furono costruiti nuovi magazzini e un pontile per l’ormeggio delle navi. A difesa dei magazzini del Caricatore e della vasta zona costiera , dalle frequenti incursioni dei pirati , Giovanni Bernardo Cabrera ottenne, dal re di Sicilia Alfonso V d’Aragona, nel 1429, l’autorizzazione a costruire la Torre . Ancora oggi “ l’impietrita sentinella”conserva intatto il suo fascino di custode della memoria del piccolo borgo marinaro ed è il monumento simbolo di Pozzallo.
La Torre si erge quadrata e maestosa, con la merlata terrazza prorompente sul mare, nella parte centrale dell'insenatura, come ideale punto di raccordo di tutto il litorale pozzallese. Al suo interno, oltre ai soldati, viveva “ il Regio Maestro Portolano “ che era il “responsabile “della Torre.Nominato direttamente dal Conte, era il massimo dirigente civile, amministrativo e militare della zona costiera ed era colui il quale sovrintedeva a tutte le operazioni di vendita e di imbarco che si svolgevano nei magazzini. In queste vicende sono da individuare i presupposti per l’incremento economico e demografico dell’antico piccolo borgo di Pozzallo che, per molto tempo ancora,fu fonte di ricchezza per i Conti e la Contea di Modica, senza che la piccola Comunità potesse gestire il fiorente traffico commerciale, mentre il Caricatore attirò le attenzioni di facoltose famiglie modicane, napoletane e genovesi.
Alle spalle della medievale fortezza, nel secolo XVIII si sviluppò il nucleo abitato più antico della città di Pozzallo. Sorto nelle vicinanze del complesso portuale, ancora oggi, riassume, nell’intreccio di vicoli e di stradine, la memoria storica e collettiva di Pozzallo :“Vanedda Vicci”, “Senia”, ”Scaro”, sono appellativi di sapore locale che indicano quegli insediamenti abitativi e che ricordano significative presenze di un’organizzazione sociale, su cui si è costruita la recente storia economico – sociale della città.

Approfondisci




Cosa visitare a Pozzallo, bandiera blu sul mare...